Con la sentenza n.11504/17  del maggio 2017  la Corte di Cassazione ha stabilito che l’assegno di divorzio non dipende più dal tenore di vita tenuto durante il matrimonio, ma solo da gravi e incolpevoli necessità economiche di chi lo chiede. Questa sentenza ha subito aperto la questione se chi già versava l’assegno per conservare all’altro coniuge il tenore di vita matrimoniale deve continuare nei pagamenti.

Sulla questione la Corte di Cassazione si è pronunciata (sent. 15481/17)  sostenendo che se il giudice è richiesto della “revisione dell’assegno divorzile che incida sulla stessa spettanza del relativo diritto” deve verificare conformemente ai principi di diritto enunciati con la sentenza n.11504 del 2017, quindi non in relazione al tenore di vita matrimoniale, ma in relazione all’impossibilità oggettiva di  “indipendenza o autosufficienza economica”.

14 dicembre 2017

Assegno di divorzio, chi lo paga può smettere?

Con la sentenza n.11504/17  del maggio 2017  la Corte di Cassazione ha stabilito che l’assegno […]
26 maggio 2015

QUANDO IL PADRE COSTITUISCE UNA NUOVA FAMIGLIA

Il Tribunale di Roma nella sentenza 16904/14 applicando l’art. 337-ter del codice civile (provvedimenti riguardo […]
25 maggio 2015

ASSEGNO DIVORZILE

Per stabilire l’assegno divorzile il Giudice può dare rilievo anche alla disparità economica attuale tra […]